UN PROTOCOLLO AL GOVERNO DA FEDERALBERGHI, ASSOHOTEL E AICA

Camera hotel

Come ricevere gli ospiti? Come velocizzare la registrazione dei clienti? Come gestire l’utilizzo degli ascensori? Come comportarsi con turisti che presentano febbre ed hanno bisogno di cure sanitarie? Come organizzare gli spazi c.d. back of the house come gli spogliatoi? Come organizzare l’accesso dei fornitori esterni?

Molte le domande che gravano sui proprietari e direttori di albergo in vista dell’avvicinarsi della Fase 2, di un sempre maggiore allentamento del lockdown e della stagione estiva.

Ecco perché Federalberghi, Confindustria Alberghi e Assohotel hanno inviato al Governo centrale ed alle Regioni un protocollo nazionale congiunto in materia di prevenzione contro il Covid-19 nelle strutture turistico ricettive, con l’obiettivo di tutelare la salute di ospiti e collaboratori.

Le tre organizzazioni nazionali maggiormente rappresentative del comparto dell’ospitalità hanno redatto il documento con la supervisione del professore Pierluigi Viole del dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Mater Studiorum Università di Bologna, Unità Operative Malattie Infettive, Policlinico di S. Orsola di Bologna.

L’idea è quella di guidare le strutture ricettive che abbiano reception, servizi e attrezzature supplementari in cui sono offerti alloggio, somministrati alimentati e bevande.

Ad oggi solo una proposta, ma che si spera venga recepita dalle autorità che dovranno valutare le fasi della ripartenza nel settore turistico-alberghiero.

Anche perché la task force costituita ad iniziativa di Federalberghi è stata composta da esperti in ogni settore, con imprenditori e dirigenti espressione delle diverse categorie e tipologie di strutture turistico ricettive e con il supporto anche della Croce Rossa Italiana.

Potete leggere il documento integrale qui allegato.

allegato-circ184-protocollo-accoglienza-sicura-release-1-0-del-27-04-20

Lascia un commento